• Home
  • I Mercenari - The Expendables: Quei bei tempi di Rambo

Recensioni

I Mercenari - The Expendables: Quei bei tempi di Rambo

Film: The Expendables

Per il suo nuovo film da regista e protagonista, Sylvester Stallone mette insieme una all star dell'action movie di ieri e di oggi con Jason Statham, Jet Li, Randy Couture, Steve Austin, Dolph Lundgren, Mickey Rourke e la partecipazione di Bruce Willis e Arnold Schwarzenegger.

 

Tra gli anni '80 e '90 un film di Sylvester Stallone con Dolph Lundgren, Mickey Rourke lo stesso Sly, la partecipazione di Arnold Schwarzenegger e Bruce Willis e un contorno di nuove star come oggi sono Jason Statham, Jet Li e gli ex wrestler Randy Couture e Steve Austin, avrebbe stabilito il record degli incassi e sarebbe stato un evento ben al di là dei confini cinematografici. Stallone e Schwarzenegger hanno la stessa età dei Rolling Stones ma molte plastiche e botulino in più, Bruce Willis è un ultracinquantenne , Rambo e Rocky sono in pensione, Schwarzy fa il governatore della California e Lundgren non è andato molto più in là del "ti spiezzo in due" di Ivan Drago.

Ma l'idea di Stallone conserva un suo appeal: il suo I Mercenari - The Expendables è una sorta di ponte tra gli action movie dei tempi di Rambo e la contemporaneità con le giuste strizzate d'occhio al pubblico giovane del wrestling e dintorni, compresi i videogiochi.

I mercenrai in questione sono un gruppo legatissimo guidato da Barney Ross-Stallone che ha passato una vita a compiere missioni impossibili in giro per il mondo. nell'ultima Lundgren esagera con le sparatorie e viene epurato il che spingerà il reprobo a tradire i suoi ex compagni.

Le missioni sono assegnate da un ex del gruppo, che oggi fa il tatuatore ed è Mickey Rourke. Stavolta però più che una missione il compito sembra un suicidio: su un'isola immaginaria del centro America un generale che si è alleato con un cattivissimo trafficante di droga americano, Eric Roberts, tiene in ostaggio la figlia. Il gruppo degli expendables è così chiamato a liberare la fanciulla e a spazzare via il generale, il cattivissimo e tutto quello che si mette in mezzo a questa missione.

Film: The Expendables
Con quali mezzi non è difficile immaginarlo: qui il più tenero potrebbe cancellare il vostro quartiere a mani nude, quindi immaginate che cosa succede mettendogli a disposizione ogni tipo di arma e di effetto speciale.
Se ciascuno dei nostri eroi ha la sua specialità, il personaggio di Jason Statham è un po' il contraltare del protagonista, il giovane erede, non a caso l'unico che abbia dimestichezza con la tecnologia.
Per fortuna non manca l'ironia: così se Statham può dire a Stallone "non sei più veloce come una volta" per sentirsi rispondere: "temo tu abbia ragione", nel vertice tra i tre ex soci nella fallimentare esperienza di Planet Hollywood, Stallone, Schwarzenegger e Willis, che si svolge in una chiesa, si ascolta la battuta rivolta all'ex Mr Olimpia: "si è messo in testa di diventare presidente". Ovviamente non si va molto per il sottile ma chi si aspetta da un film del genere roba alla Godard forse non è mai stato al cinema. Per il resto il vecchio Sly confeziona tutti gli ingredienti richiesti. In più sfoggia la sua faccia tutta nuova e, visto come l'hanno combinato, è strano che al posto del generale sull'isola immaginaria non ci abbia messo il suo chirurgo estetico.
Paolo Biamonte